• Avv. Paola Corte

Etichettatura: 20% di succo di arancia nelle bevande. Aggiornamenti di diritto alimentare



bevande vendute con il nome di una frutta a succo, 20% di succo di arancia, diritto alimentare, studio legale corte, avvocato food law

Dal 6 marzo 2018 le bevande prodotte in Italia e vendute con il nome dell'arancia a succo, o recanti denominazioni che a tale agrume si richiamino, dovranno avere un contenuto di succo di arancia non inferiore a 20 g per 100 cc o dell'equivalente quantità di succo di arancia concentrato o disidratato in polvere.

L'applicabilità della disposizione, introdotta in una legge nel 2014, era sospesa, in attesa del perfezionamento della procedura di notifica alla Commissione dell'UE.

Sulla Gazzetta Ufficiale di ieri è stata pubblicata la comunicazione dell'avvenuto perfezionamento della procedura di notifica. Si è specificato che la disposizione sarà applicabile dal 6 marzo del prossimo anno.

E' fatta salva la produzione delle bevande destinate alla commercializzazione verso altri Stati dell'Unione europea o verso gli altri Stati contraenti l'Accordo sullo Spazio economico europeo, nonché verso Paesi terzi.


Studio Legale Corte, Studio dell'anno Food, succo di arancia, 20%, bevande vendute con il nome di una frutta a succo, food law


Studio Legale Corte, food law, Studio dell'anno food, diritto alimentare, avvocato, Avv. Paola Corte, Avv. Elena Corte

#bevandevenduteconilnomediunafruttaasucco #20 #succodiarancia #bevande #StudioLegaleCorte #StudiodellannoFood #dirittoalimentare #foodlaw #avvocatodirittoalimentare #espertodirittoalimentare #etichettatura #etichettaturadeiprodottialimentari

99 visualizzazioni0 commenti

© 2020 P. Corte - Piazzale Principessa Clotilde 6, 20121 Milano - tel +39.02.6570969 - email: paola.corte@foodlaw.it

Polizza Assicurativa  AIG Europe S.A.n. ICNF000001.053408